background verde

sabato 31 ottobre 2009

No, non è successo niente di grave, il silenzio è dovuto solamente al fatto che non so cosa scrivere.
Grazie alle persone che mi hanno lasciato un commento di incoraggiamento al post precedente, sembrerà una sciocchezza ma mi aiuta sentire che qualcuno fa il tifo per me.
Ho fatto la scintigrafia e non ci capisco molto più di prima. Le "foto" dicono dove si è depositato il male, tutto lì. Ora sta alla reumatologa cercare di centrare la cura giusta, finora non è che ci abbia azzeccato molto. Comunque prima del 16 novembre non la vedrò, quindi attendo. Intanto sopporto e ingoio pastiglie.

giovedì 29 ottobre 2009

Un SAL tutto mio

Rieccomi ad aggiornare il blog, dopo tanto tempo. O almeno a me è sembrato tanto, perchè dall'ultimo post ad ora ho crocettato,e  crocettato, e crocettato... tante piccolissime cose. Non le ho pubblicate finora semplicemente perchè "qualcuno", detto il FORMATTATORE MASCHERATO, mi ha letteralmente depennato il programma con cui gestivo le immagini fino a due mesi fa, lasciandomi il compito ingrato di cercarmene un altro e di imparare più o meno ad usarlo.
Ma tant'è, senza dilungarmi tanto per niente, ecco cosa ho prodotto.
Faccio una premessa: finita la copertina del post precedente, a cui mi sono dedicata con anima e corpo nel mese di agosto, mi accingevo a cercare un progetto nuovo da fare, avete presente quei momenti in cui se ne sente la necessità? Ben, per giorni ho sgarfato qua e là in cerca di ispirazione, finchè mi è venuta u'idea malsana: c'è chi fa di tutti i suoi lavori in sospeso dei SAL, per dargli un colpo di reni e toglierseli di mezzo, e così ho fatto anch'io tempo indietro con risultati eccellenti. Stavolta ho pensato a fare un SAL... dei ritagli. Ho messo in lista di eliminazione cioè tutti i ritagli di stoffa ricamabile che ho messo in un angolo negli anni, in attesa di isprazione, e ho deciso che fino a fine anno non inizierò altri lavoroni finchè non avrò tolto di mezzo pezzetti e pezzettini di rimasugli. Sono partita da qui

 

 




 


 


Per arrivare a qui, dove trovano posto...




Go to ImageShack® to Create your own Slideshow
...segnalibri, trovaforbici, portaaghi, dei copribarattoli per le erbe che quest'anno ho essiccato raccogliendole dal mio giardino (melissa, timo, origano e quant'altro) eccetera eccetera. Con un ritaglio di lino ho anche realizzato un ricamo che andrà a coprire il coperchio di una scatola destinata a contenere delle vecchissime statuine del Presepe. Più di qualche lavoro non l'ho nemmeno inserito nello slideshow, vuoi perchè l'ho regalato, vuoi perchè non ho pazienza per fotografare tutto, (e non mi iresce nemmeno granchè bene se devo dirla tutta). Comunque sono molto soddisfatta.
Un piccolo spazio devo dedicarlo anche allo swap Halloween organizzato dal gruppo Puntocroce, la mia abbinata era Tiziana (che ringrazio tantissimo!!!) e guardate quante meraviglie ho ricevuto!

 

 




 


 


Il pannellino è un amore, e l'ho già sistemato in cucina

 

 




 


 


Io invece dovevo spedire a Serena, e le ho mandato un porta aghi

 

 


.


 


 


che qui vedete aperto, i disegni li ho tratti da due free di Raimbow Gallery. Poi ho allegato anche un trovaforbici con ricamato un cappello da strega, dei dolci e qualche matassina, ma ho dimenticato di fare la foto al tutto prima di spedire, perciò non posso mostrarvi più di questo. Vabbè.
Il prossim post spero conterrà anche la foto del mio barattolo del SAL spazzatura, che è bello incicciato.

martedì 20 ottobre 2009

Che schifo le femmine

Mi ricordo che quando ero bambina detestavo i maschietti, e con me tutta la combriccola di amichette. Perchè facevano chiasso, sporcavano ovunque, mi tiravano le trecce e ci prendevano in giro perchè portavamo le gonne. Per non parlare degli occhiali. Ma ne parlavamo spesso tra bambine, mi ricordo bene di certi "discorsi" che si facevano, e le bande maschi contro femmine che venivano a nascere quasi ogni volta che si giocava.
Anche il Power detesta le femmine, lo dice ogni volta che si presenta l'occasione: "fanno giochi stupidi", dice.
Pensavo fosse normale per un bambino di cinque anni, e pensavo che tutte le mamme la pensassero come me visto che le maestre di mio figlio mi hanno confermato che è un atteggiamento che hanno quasi tutti i bambini, fino a una certa età.
Per questo non mi capacito del perchè la mamma di N., una bambina che abita nel condominio di mia madre (e che ha un solo anno più del Power) si sia offesa l'altro giorno, quando all'invito che N. ha fatto al mio bambino a giocare con lei, lui le abbia risposto schifato di no. Mica è una tragedia. Le uniche due femmine con cui il Power gioca all'asilo, o meglio, che ha accettato come "amichette", sono due bambine che della femminuccia educatina, pulita, obbediente e composta hanno poco o niente, e la maestra mi ha detto che è un bel traguardo visto che fino allo scorso anno snobbava pure quelle due.
Forse non siamo stati tutti bambini allo stesso modo...

lunedì 19 ottobre 2009

Ultimamente non scrivo molto, e in realtà eccezion fatta per delle stupidaggini non ho molto da scrivere in effetti. Oggi sono particolarmente nervosa, vuoi perchè il giorno della scintigrafia si avvicina (è mercoledì), vuoi perchè stanotte ho dormito molto poco causa prima mal di testa, poi marito russante.
Anche qui è arrivato l'autunno e il freddo, ma non serve che lo dica io perchè si sappia... Fa freddo, ma a me questo clima non dispiace. Basta coprirsi un po' di più, e l'odore dei termosifoni accesi la sera non mi da fastidio. MI piacerebbe avere una stufa a legna, l'atmosfera che crea è impagabile. In giardino non si va più tranne che per stendere la biancheria (e neanche tutti i giorni), ma in realtà non l'ho vissuto quasi per nente quest'anno, quindi mi manca più degli anni scorsi. Vuoi per le zanzare mai come quest'estate impossibili da sopprimere, vuoi per altri motivi, fatto sta che non sono riuscita nè a prendermene cura come avrei voluto, nè a godermelo. Pazienza. Sarà per il prossimo.
Nel frattempo tiriamo fuori maglioni e sciarpe.

giovedì 15 ottobre 2009

Oggi ho fatto il tampone. L'altro ieri l'ennesimo esame del sangue. Lunedì le radografie a bacino e mani. La prossima settimana toccherà alla scintigrafia ossea (e mi sale l'ansia a solo pensarci). Quindi tra venti giorni un altro prelievo di sangue.
Intanto i dolori persistono.
Sono decisamente stanca, oltre che gonfia da farmaci come un palloncino.
Passerà. Presto, spero.


martedì 13 ottobre 2009

Maleducato e pure tordolo!

Non sto a raccontare per filo e per segno quello che è accaduto stamattina alla Asl, dove mi sono recata per uno dei (tanti) prelievi di sangue di questo periodo. Primo, perchè diventerebbe un po' complicato da spiegare. Secondo, perchè darei un peso eccessivo a un episodio che voglio togliermi dalla testa per non innervosirmi più del necessario, visto che sul momento  poco ci è mancato che mettessi davvero le mani addosso a un signore attempatello. Terzo perchè non è nulla di nuovo, chiunque ha vissuto epsodi del genere prima o poi, quindi non ne vale la pena.
Quello che mi viene da dire ora è che quando sento le persone anziane (ma non tutte, siamo sinceri) dire che i giovani sono maleducati, mi viene da rispondere che è una delle tante affermazioni del cà, e chi le dice dovrebbe prima farsi un serio esame di coscienza. Perchè a dirla tutta ultimamente mi è capitato più spesso di trovare più arroganza, maleducazione e inciviltà nelle persone di una certa età che non in ragazzi giovani, laddove  settanta od ottant'anni di età non sono evidentemente bastati per imparare le regole del vivere civile. Insomma, se a vent'anni sei maleducato perchè non hai ancora imparato a stare in mezzo alla gente come si deve, se lo sei tra cinquant'anni sei anche tordo e duro di testa perchè gli anni sono trascorsi invano sotto questo aspetto.
Secondo me la maleducazione non ha età, nè razza, nè religione, nè ceto sociale. Fa parte di quel modo di muoversi tra la gente che uno sceglie per principio e lo porta avanti indifferentemente, qui o là, oggi come domani. Certo, qualche scivolone può capitare a tutti, ma quando come stamattina mi sono sentita dire "ma chissà perchè io mi trovo ogni volta in questa situazione", eh beh, caro mio, guardati un momento allo specchio, la risposta te la puoi ben leggere in faccia senza fare figure di mè come stai facendo ora.
Cretino.

giovedì 8 ottobre 2009

Scusate il silenzio, mi sono persa a guardare Scooby-Doo in tv...