background verde

lunedì 29 ottobre 2007

Finiti

Bello, ho fatto la mia prima prova con il filo sfumato rosso e ne sono contentissima. Guardate un po', posso esserne orgogliosa?
ProvasfumatorossoVorrei farne un decoro natalizio da regalare, e realizzarne altri in blu o in verde. Ma farò qualcosa di particolare che ora non voglio svelare per scaramanzia, non vorrei che poi ne venisse una schifezza rispetto a quello che ho in mente
Poi ho finito anche il ricamo per Lina, del RR Cuccioli, e per me è l'ultimo della serie. Il tema di Lina era Girasoli, sono appunto l'ultima ad aver ricamato per lei perciò ho in mano la sua tela finita, e devo dire che a parere mio è un amore. Per rispetto pubblico solo la foto del mio lavoro, se poi a Lina non piace me la tengo direttamente e ve li mostro tutti
Scherzo, non ho mai fatto una csoa del genere, guai a me...

rrcucciolixlina
 

martedì 23 ottobre 2007

Finiti

Ecco ottobre finito! Veramente è finito da due giorni, ma ho una specie di antipatia per lo scanner.
saloctobreHo terminato anche il ricamo per Tittiz, per il RR cuccioli. Ve lo mostro anche se  è piccolino, mi piace il colore.
rrcucciolixtittiz
Poi avevo dimetnicato di inserire anche la foto del ricamo per Paola, sempre per lo stesso RR. E' un ricamo che ho eseguito con un po' di difficoltà, ricamare con il bianco su ecru non è proprio il massimo. Ma insonma, non è venuto poi così male. Sempre che alla destinataria piaccia.
rrcucciolixpaola

venerdì 19 ottobre 2007

SAL casette... recupero!

Uff... mi sono fermata per due mesi con il SAL casette perchè (e spero che nessuno si offenda) la casetta di luglio non mi piaceva molto, e come tutti gli hobby se devi fare qualcosa che non piace non lo fai volentieri. Ma infine ho recuperato, perchè i mesi successivi mi piacciono anche più dei precedenti, così ho pensato che era un peccato lasciar perdere solo per un ricamino che non mi andava giù. Ed ecco i risultati.
saljuilletsalaout

salseptembreMica potevo permettere che la Smemopaola si avvantaggiasse così tanto sulla tabella di marcia lasciandomi indietro no?

Ottobre è in lavorazione, a presto su questi monitor

giovedì 18 ottobre 2007

Stranezze

Entri in un negozio per acquistare cinque paia di calzini e ti ritrovi a parlare di sesso per un'ora con la proprietaria. Che peraltro è un'amica che ha con te un rapporto solo un po' più stretto della semplice conoscenza cortese.
Torno a casa e mi lascio coinvolgere da una improvvisa smodata ondata di avances amorose da una Gioiuta (la Gioiuta!) che di per sè è già strano il solo fatto che alle undici del mattino sia in casa.
Come inizio di giornata è alquanto singolare. Vi pare?

Stranezze

Entri in un negozio per acquistare cinque paia di calzini e ti ritrovi a parlare di sesso per un'ora con la proprietaria. Che peraltro è un'amica che ha con te un rapporto solo un po' più stretto della semplice conoscenza cortese.
Torno a casa e mi lascio coinvolgere da una improvvisa smodata ondata di avances amorose da una Gioiuta (la Gioiuta!) che di per sè è già strano il solo fatto che alle undici del mattino sia in casa.
Come inizio di giornata è alquanto singolare. Vi pare?

mercoledì 17 ottobre 2007

L'affronto

Nella cascinaccia accanto al mio giardino è arrivata Lucy, un cagnolone bellissimo, un labrador di un anno e mezzo. Rimarrà lì provvisoriamente, finchè i suoi padroni (che peraltro sono quelli che hanno preso in gestione il pub dietro alla cascina, gli ennesimi proprietari)non gli avranno sistemato la sua dimora definitiva presso la loro abitazione. E le mie gatte?
So che l'ambiente felino è gestito dai felini con altri parametri rispetto ai nostri, hanno un mondo che noi non vediamo fatto di odori, di spazi, di rumori, e ovviamente il nuovo arrivo ha creato qualche disappunto (sarò clemente, chiamiamolo disappunto per non dire scazzo) alle mie due zingare.
Dunque, fortuna vuole che ieri pomeriggio all'arrivo del cane la famiglia intera si trovasse in giardino, per cui abbiamo potuto osservare le diverse reazioni delle pelose. Beh, Gioia si è nascosta dietro un albero ed è rimasta lì per mezz'ora, allungando e accorciando il collo in continuazione, con le zampe in posizione "pronti, partenza, se necessario via", e con un'espressione in muso (ignorante è colui che pensa che i gatti abbiano musi inespressivi) che diceva chiaramente "E questo? Da dove sbuca? Chi ce l'ha portato? Ma deve rimanere lì? Ha la faccia da salsiccia ma io non mi avvicino nemmeno se mi obbliga Bastet eh? Se se ne sta lì buono per me va bene, ma lasciatemi misurare a occhio e croce quanto è lunga quella catena".
Heidi invece si è letteralmente offesa. E' rimasta al di là della rete a osservare prima noi poi la cagnotta, poi noi, poi lei, per un buon quarto d'ora. Poi si è data letteralmente alla macchia. E da ieri sera non si vede più nei paraggi. L'onta è troppo grande, va digerita pian piano.
Mondo gatto...

L'affronto

Nella cascinaccia accanto al mio giardino è arrivata Lucy, un cagnolone bellissimo, un labrador di un anno e mezzo. Rimarrà lì provvisoriamente, finchè i suoi padroni (che peraltro sono quelli che hanno preso in gestione il pub dietro alla cascina, gli ennesimi proprietari)non gli avranno sistemato la sua dimora definitiva presso la loro abitazione. E le mie gatte?
So che l'ambiente felino è gestito dai felini con altri parametri rispetto ai nostri, hanno un mondo che noi non vediamo fatto di odori, di spazi, di rumori, e ovviamente il nuovo arrivo ha creato qualche disappunto (sarò clemente, chiamiamolo disappunto per non dire scazzo) alle mie due zingare.
Dunque, fortuna vuole che ieri pomeriggio all'arrivo del cane la famiglia intera si trovasse in giardino, per cui abbiamo potuto osservare le diverse reazioni delle pelose. Beh, Gioia si è nascosta dietro un albero ed è rimasta lì per mezz'ora, allungando e accorciando il collo in continuazione, con le zampe in posizione "pronti, partenza, se necessario via", e con un'espressione in muso (ignorante è colui che pensa che i gatti abbiano musi inespressivi) che diceva chiaramente "E questo? Da dove sbuca? Chi ce l'ha portato? Ma deve rimanere lì? Ha la faccia da salsiccia ma io non mi avvicino nemmeno se mi obbliga Bastet eh? Se se ne sta lì buono per me va bene, ma lasciatemi misurare a occhio e croce quanto è lunga quella catena".
Heidi invece si è letteralmente offesa. E' rimasta al di là della rete a osservare prima noi poi la cagnotta, poi noi, poi lei, per un buon quarto d'ora. Poi si è data letteralmente alla macchia. E da ieri sera non si vede più nei paraggi. L'onta è troppo grande, va digerita pian piano.
Mondo gatto...

martedì 16 ottobre 2007

Un po' di foto

Oggi: galleria fotografica. Iniziamo con i due ultimi posti insoliti dove Heidi si è addormentata (come mi ha detto qualcuno tempo fa, c'è chi in una borsa di stracci vede tanti pezzi di stoffa ammucchiati e chi ci vede una coperta patchwork...).
IM003632IM003596
Inutile dire che quando è scesa dalla prima soluzione "alternativa al divano" ce ne siamo accorti tutti in famiglia.
Poi, i miei ultimi acquisti verdi, ultimi in ordine di tempo ma anche ultimi dell'anno credo visto il periodo. Li ho voluti immortalare per poter vedere la differenza da qui a marzo, e constatare il successo o l'insuccesso di questi due tentativi (si perchè erica e violette finora non mi sono mai sopravvissuti).
IM003627IM003628Mi auguro di poter vedere dei progressi positivi, in un prossimo futuro, anzichè i progressi di eventuali marciumi o avvizzimenti. Le eriche dovrebbero fiorire tra un paio di mesi, sono eriche invernali. Chissà se per Natale riuscirò ad avere una bordura bella bianca...
E visto che sono in vena, anche se non è proprio il posto giusto (ci sarebbe il blog Acrocette ma vabbè, quello  lo aggiornerò con calma perchè ne ho un po' da scrivere), ecco cosa mi sono regalata oggi per la modica cifra di tre euro e sessanta:
IM003635Sono due filati sfumati, uno rosso e uno blublublu. Non ho mai lavorato gli sfumati e mi è venuta voglia di provare, ho in mente un paio di lavoretti natalizi che spero di riuscire a realizzare, se non bene, almeno decentemente.

Un po' di foto

Oggi: galleria fotografica. Iniziamo con i due ultimi posti insoliti dove Heidi si è addormentata (come mi ha detto qualcuno tempo fa, c'è chi in una borsa di stracci vede tanti pezzi di stoffa ammucchiati e chi ci vede una coperta patchwork...).
IM003632IM003596
Inutile dire che quando è scesa dalla prima soluzione "alternativa al divano" ce ne siamo accorti tutti in famiglia.
Poi, i miei ultimi acquisti verdi, ultimi in ordine di tempo ma anche ultimi dell'anno credo visto il periodo. Li ho voluti immortalare per poter vedere la differenza da qui a marzo, e constatare il successo o l'insuccesso di questi due tentativi (si perchè erica e violette finora non mi sono mai sopravvissuti).
IM003627IM003628Mi auguro di poter vedere dei progressi positivi, in un prossimo futuro, anzichè i progressi di eventuali marciumi o avvizzimenti. Le eriche dovrebbero fiorire tra un paio di mesi, sono eriche invernali. Chissà se per Natale riuscirò ad avere una bordura bella bianca...
E visto che sono in vena, anche se non è proprio il posto giusto (ci sarebbe il blog Acrocette ma vabbè, quello  lo aggiornerò con calma perchè ne ho un po' da scrivere), ecco cosa mi sono regalata oggi per la modica cifra di tre euro e sessanta:
IM003635Sono due filati sfumati, uno rosso e uno blublublu. Non ho mai lavorato gli sfumati e mi è venuta voglia di provare, ho in mente un paio di lavoretti natalizi che spero di riuscire a realizzare, se non bene, almeno decentemente.

lunedì 15 ottobre 2007

Dialogo costruttivo tra Mamigà e Papigà

-More, una volta avevo un paio di gatte. Le hai per caso viste oggi da quando le ho fatte uscire stamane?
Silenzio.
-More, ti ho fatto una domanda...
-Se non ti ho risposto vuol dire che non le ho viste, no? Per logica...
-Teeeeesoro, se non mi rispondi può solo significare o che non mi hai sentito, o che mi hai sentito e non ti importa di rispondermi. Altro che logica.
Non menatemela: è come dire chi tace acconsente. A casa mia chi tace non dice niente.
Per logica...

Dialogo costruttivo tra Mamigà e Papigà

-More, una volta avevo un paio di gatte. Le hai per caso viste oggi da quando le ho fatte uscire stamane?
Silenzio.
-More, ti ho fatto una domanda...
-Se non ti ho risposto vuol dire che non le ho viste, no? Per logica...
-Teeeeesoro, se non mi rispondi può solo significare o che non mi hai sentito, o che mi hai sentito e non ti importa di rispondermi. Altro che logica.
Non menatemela: è come dire chi tace acconsente. A casa mia chi tace non dice niente.
Per logica...

domenica 14 ottobre 2007

Sproloqui - punti di vista

Papigà - Tuo figlio non ti sembra un po' gonfio in viso?
Mamigà: No, a me sembra incicciottato, con tutto quello che mangia da quando è tornato all'asilo...
Trippa:  Non sono gonfio e non sono cicciotto. Mi sta solo crescendo la barba...

Sproloqui - punti di vista

Papigà - Tuo figlio non ti sembra un po' gonfio in viso?
Mamigà: No, a me sembra incicciottato, con tutto quello che mangia da quando è tornato all'asilo...
Trippa:  Non sono gonfio e non sono cicciotto. Mi sta solo crescendo la barba...

venerdì 12 ottobre 2007

Laboratorio analisi

Sono appena tornata dalla Asl, sono andata a fare un prelievo di sangue. Peccato che per le risposte devo attendere addirittura un mese.  Dueballe.

Laboratorio analisi

Sono appena tornata dalla Asl, sono andata a fare un prelievo di sangue. Peccato che per le risposte devo attendere addirittura un mese.  Dueballe.

giovedì 11 ottobre 2007

Anticipo?

Gli anni scorsi ho imparato a fare acquisti natalizi in tale anticipo da dovermi ritrovare a metà novembre con il pensiero dei regali già catalogato, e il portafoglio scevro dai rincari di dicembre. Io quest'anno ho iniziato a pensarci ai primi di ottobre, sempre con l'intento di acquistare questo o quel regalo man mano che, capitando nei negozi o centri commerciali, addocchiavo la cosa giusta per tal o talaltra persona. Ma sta andando maluccio. Ho visto tante cose in giro, ho tante idee, ma l'entusiasmo è sotto alle scarpe. Non so perchè. Forse perchè quest'anno siamo talmente in economia che l'idea di tirar fuori il portafoglio per cose che non sono necessarie mi fa perdere lo spirito regaloso degli anni scorsi. Comunque me ne stavo facendo una ragione, ieri mattina, mentre giravo per il centro commerciale a Basiliano: dicevo tra  me e me, tanto mancano più di due mesi. Cambierò umore prima o poi.
Finchè tornando a casa non mi fermo al Bricofer in cerca di uno stendipanni, e indovina un po'... STAVANO ESPONENDO IN VENDITA GLI ALBERI DI NATALE!
Ma se andiamo avanti così, tra qualche anno inizieranno a ferragosto...!

Anticipo?

Gli anni scorsi ho imparato a fare acquisti natalizi in tale anticipo da dovermi ritrovare a metà novembre con il pensiero dei regali già catalogato, e il portafoglio scevro dai rincari di dicembre. Io quest'anno ho iniziato a pensarci ai primi di ottobre, sempre con l'intento di acquistare questo o quel regalo man mano che, capitando nei negozi o centri commerciali, addocchiavo la cosa giusta per tal o talaltra persona. Ma sta andando maluccio. Ho visto tante cose in giro, ho tante idee, ma l'entusiasmo è sotto alle scarpe. Non so perchè. Forse perchè quest'anno siamo talmente in economia che l'idea di tirar fuori il portafoglio per cose che non sono necessarie mi fa perdere lo spirito regaloso degli anni scorsi. Comunque me ne stavo facendo una ragione, ieri mattina, mentre giravo per il centro commerciale a Basiliano: dicevo tra  me e me, tanto mancano più di due mesi. Cambierò umore prima o poi.
Finchè tornando a casa non mi fermo al Bricofer in cerca di uno stendipanni, e indovina un po'... STAVANO ESPONENDO IN VENDITA GLI ALBERI DI NATALE!
Ma se andiamo avanti così, tra qualche anno inizieranno a ferragosto...!

mercoledì 10 ottobre 2007

Stung!

-Mamaaaaaaaaaa! Mi sono fatto male il luceeeeeeeeeee!!!
Leggi Alluce.

Stung!

-Mamaaaaaaaaaa! Mi sono fatto male il luceeeeeeeeeee!!!
Leggi Alluce.

Di tutto un po'

E' da qualche giorno che non scrivo, perchè non mi viene in mente nulla di serio di cui rendere partecipe gli altri, a parte le solite cavolate. Tipo che stanotte ho avuto una crisi di emicrania che ha indotto Heidi a rimanermi accoccolata a fusare stile infermiera (e la cosa mi fa ripensare sul fatto di scambiarla con Lenticchia), oppure l'uscita di ieri al vivaio (cosa che mi diverte assai) per l'acquisto di dieci piante di erica da mettere all'esterno dell'ingresso assieme a quattro viole, o ancora l'influenza intestinale che ho passato con nonchalance a Papigà. Ho visto le foto delle nozze della Betta, bellissima sposa (peccato per il trucco esagerato, chissà chi glielo ha fatto) e ho saputo anche delle beghe che l'evento ha creato dietro le quinte, ma non mi ci soffermo perchè non ne vale la pena. Tanto tutte le cerimonie creano degli scontenti assieme ai confetti, perciò credo che la cosa sia all'ordine del giorno nonchè data per scontata in tutte le famiglie. Non mi va di commentare sui fatti di cronaca o di attualità perchè non l'ho mai fatto in questo blog nè lo farò mai (così nessuno di voi saprà mai cosa ne penso in tema di religione, di politica, eccetera. Tiè).
L'unica cosa seria che mi viene in mente ora è questa. Sono appena tornata dal centro commerciale, quello in cui io e Trippa andavamo a passare un paio di ore lo scorso anno quando non avevamo nulla da fare. Prendevamo il caffè assieme al succo di frutta e alla brioss di rito seduti al tavolino, chiacchieravamo di tutto e di più, lui faceva la sua figura da ometto e si prendeva i complimenti dalla barista che gli si era affezionata. Beh, stamattina il caffè (rigorosamente decaffeinato da un po' di tempo in qua) me lo sono presa da sola. E Gabri mi è mancato. In altri momenti della giornata mi avreste sentita dire esasperata "e finalmente che è all'asilo!", ma p ora di rivelare a me stessa che ogni tanto  mi manca. Stamattina mi è mancato. Il caffè non era buono come una volta.

Di tutto un po'

E' da qualche giorno che non scrivo, perchè non mi viene in mente nulla di serio di cui rendere partecipe gli altri, a parte le solite cavolate. Tipo che stanotte ho avuto una crisi di emicrania che ha indotto Heidi a rimanermi accoccolata a fusare stile infermiera (e la cosa mi fa ripensare sul fatto di scambiarla con Lenticchia), oppure l'uscita di ieri al vivaio (cosa che mi diverte assai) per l'acquisto di dieci piante di erica da mettere all'esterno dell'ingresso assieme a quattro viole, o ancora l'influenza intestinale che ho passato con nonchalance a Papigà. Ho visto le foto delle nozze della Betta, bellissima sposa (peccato per il trucco esagerato, chissà chi glielo ha fatto) e ho saputo anche delle beghe che l'evento ha creato dietro le quinte, ma non mi ci soffermo perchè non ne vale la pena. Tanto tutte le cerimonie creano degli scontenti assieme ai confetti, perciò credo che la cosa sia all'ordine del giorno nonchè data per scontata in tutte le famiglie. Non mi va di commentare sui fatti di cronaca o di attualità perchè non l'ho mai fatto in questo blog nè lo farò mai (così nessuno di voi saprà mai cosa ne penso in tema di religione, di politica, eccetera. Tiè).
L'unica cosa seria che mi viene in mente ora è questa. Sono appena tornata dal centro commerciale, quello in cui io e Trippa andavamo a passare un paio di ore lo scorso anno quando non avevamo nulla da fare. Prendevamo il caffè assieme al succo di frutta e alla brioss di rito seduti al tavolino, chiacchieravamo di tutto e di più, lui faceva la sua figura da ometto e si prendeva i complimenti dalla barista che gli si era affezionata. Beh, stamattina il caffè (rigorosamente decaffeinato da un po' di tempo in qua) me lo sono presa da sola. E Gabri mi è mancato. In altri momenti della giornata mi avreste sentita dire esasperata "e finalmente che è all'asilo!", ma p ora di rivelare a me stessa che ogni tanto  mi manca. Stamattina mi è mancato. Il caffè non era buono come una volta.

venerdì 5 ottobre 2007

Giorno rosso è giovedì, giorno giallo è venerdì, sabato e domenica sono giorni rosa e all'asilo non si va. E poi... Giù nell'orto! A piantare le cipolle le cipolle, se le pianti con i piedi, con i piedi, le cipolle non le vediiiiiiii!" E poi... "Tralallallero tralallallero, tralallallerolerolerollà"
Il mondo della scuola materna mi piace da morire, e mi fa impazzire mio figlio quando se ne torna dall'asilo con qualche canzoncina nuova o una filastrocca, ogni giorno ne ha una da dire o da raccontare, e lo fa con una faccia e con una mimica espressivi e gioiosi che mi gonfiano il cuore! Adoro portarlo io al mattino (soprattutto ora che non piange più nel momento del distacco) per vederlo andare sicuro verso il suo armadietto, togliersi cappellino e giubbino, tutto da solo riporre il bavaglino in sala da pranzo e accompagnarmi dalla maestra a testa alta. Adoro il bacio chemi stampa sulla guancia e le sue raccomandazioni per la giornata (fai poca spesa oggi mamma? Mi raccomando falla bene eh?). E ci tengo anche ad andarlo a prendere io, vederlo corrermi incontro con il suo solito sorriso, tornare indietro ubbidiente quando la maestra gli fa notare che non ha rimesso a posto la sua sedia, aspettare il bacio della maestra prima di andarsene con l'espressione affettuosa che riserva a ben poche persone.
Trippa si trova proprio bene all'asilo quest'anno. Se lo merita, dopo tutto quello che è successo lo scorso semestre. Le maestre sono soddisfatte, e io lo sono il doppio di loro perchè vedo mio figlio felice. Il mio ometto è cresciuto, decisamente cresciuto, ed è la gioia più grande che io abbia mai avuto.
Giorno rosso è giovedì, giorno giallo è venerdì, sabato e domenica sono giorni rosa e all'asilo non si va. E poi... Giù nell'orto! A piantare le cipolle le cipolle, se le pianti con i piedi, con i piedi, le cipolle non le vediiiiiiii!" E poi... "Tralallallero tralallallero, tralallallerolerolerollà"
Il mondo della scuola materna mi piace da morire, e mi fa impazzire mio figlio quando se ne torna dall'asilo con qualche canzoncina nuova o una filastrocca, ogni giorno ne ha una da dire o da raccontare, e lo fa con una faccia e con una mimica espressivi e gioiosi che mi gonfiano il cuore! Adoro portarlo io al mattino (soprattutto ora che non piange più nel momento del distacco) per vederlo andare sicuro verso il suo armadietto, togliersi cappellino e giubbino, tutto da solo riporre il bavaglino in sala da pranzo e accompagnarmi dalla maestra a testa alta. Adoro il bacio chemi stampa sulla guancia e le sue raccomandazioni per la giornata (fai poca spesa oggi mamma? Mi raccomando falla bene eh?). E ci tengo anche ad andarlo a prendere io, vederlo corrermi incontro con il suo solito sorriso, tornare indietro ubbidiente quando la maestra gli fa notare che non ha rimesso a posto la sua sedia, aspettare il bacio della maestra prima di andarsene con l'espressione affettuosa che riserva a ben poche persone.
Trippa si trova proprio bene all'asilo quest'anno. Se lo merita, dopo tutto quello che è successo lo scorso semestre. Le maestre sono soddisfatte, e io lo sono il doppio di loro perchè vedo mio figlio felice. Il mio ometto è cresciuto, decisamente cresciuto, ed è la gioia più grande che io abbia mai avuto.

LOOOOOOL

Ieri ho mandato un dolce a F., un collega di Papigà, per ringraziarlo di un favore fattogli sostituendolo in un turno. Ieri pomeriggio gli telefona F., per ringraziare.
"Ciaooooo.... volevo ringraziare tua moglie, il dolce era buonissimo... io e mio padre ce lo siamo CINGHIALATO"...

LOOOOOOL

Ieri ho mandato un dolce a F., un collega di Papigà, per ringraziarlo di un favore fattogli sostituendolo in un turno. Ieri pomeriggio gli telefona F., per ringraziare.
"Ciaooooo.... volevo ringraziare tua moglie, il dolce era buonissimo... io e mio padre ce lo siamo CINGHIALATO"...

giovedì 4 ottobre 2007

Mmmmmmoh

E' difficile a volte capire la gente... Vado a dire che ho scoperto un blog bellissimo e come risposta mi torna indietro un "che me ne importa, io sto bene dove sto e non voglio conoscere altro..." . E chi ti ha chiesto niente? Moh... Sarò forse l'unica che non parla per sottintesi...

Mmmmmmoh

E' difficile a volte capire la gente... Vado a dire che ho scoperto un blog bellissimo e come risposta mi torna indietro un "che me ne importa, io sto bene dove sto e non voglio conoscere altro..." . E chi ti ha chiesto niente? Moh... Sarò forse l'unica che non parla per sottintesi...

mercoledì 3 ottobre 2007

Mi è stato chiesto di unirmi a questo blog, e la csoa mi ha entusiasmato. Ma che belllllllo!!!
Mi è stato chiesto di unirmi a questo blog, e la csoa mi ha entusiasmato. Ma che belllllllo!!!
Stamattina ho iniziato a rivoltare la ia parte di armadio per il cambio stagione, non del tutto perchè per i maglioni mi sembra prestino, ma il grosso del resto del vestiario ha fatto il suo semestrale giro. E indovinate un po'... Sarà stato il virus e avrei preferito che fosse il risultato di una  dieta, ma i nove chili che ho perso da agosto a qui mi hanno permesso di reintrare nel 90 per cento degli abiti che lo scorso inverno ho dovuto guardare e lasciare negli scatoloni con rassegnazione. Non c'è che dire, mi sento come se avessi avuto uno stipendio doppio con gratifica Natalizia...
Stamattina ho iniziato a rivoltare la ia parte di armadio per il cambio stagione, non del tutto perchè per i maglioni mi sembra prestino, ma il grosso del resto del vestiario ha fatto il suo semestrale giro. E indovinate un po'... Sarà stato il virus e avrei preferito che fosse il risultato di una  dieta, ma i nove chili che ho perso da agosto a qui mi hanno permesso di reintrare nel 90 per cento degli abiti che lo scorso inverno ho dovuto guardare e lasciare negli scatoloni con rassegnazione. Non c'è che dire, mi sento come se avessi avuto uno stipendio doppio con gratifica Natalizia...

martedì 2 ottobre 2007

Novità

Ebbene si, qualcuno se ne è già accorto... Machemamma è tornato pubblico. Era da un po' di tempo che meditavo su questa decisione, senza trovare una soluzione che mi permettesse di farmi leggere da chi passa (e lo trovo decisamente piacevole) senza mettere in piazza cose così personali da destare vespai dove non ce n'è bisogno.
Così ieri pomeriggio, pensa e ripensa, ho trovato la via di mezzo. Ho spostato i post strettamente personali su un altro blog, privato ovviamente, sotto un altro pseudonimo. Il resto è qui. Tutto il resto.
Perchè come mi ha detto Meg un po' di tempo fa, mica è necessario dire tutto a tutti...
Mi perdonate questo piccolo egoismo?

Novità

Ebbene si, qualcuno se ne è già accorto... Machemamma è tornato pubblico. Era da un po' di tempo che meditavo su questa decisione, senza trovare una soluzione che mi permettesse di farmi leggere da chi passa (e lo trovo decisamente piacevole) senza mettere in piazza cose così personali da destare vespai dove non ce n'è bisogno.
Così ieri pomeriggio, pensa e ripensa, ho trovato la via di mezzo. Ho spostato i post strettamente personali su un altro blog, privato ovviamente, sotto un altro pseudonimo. Il resto è qui. Tutto il resto.
Perchè come mi ha detto Meg un po' di tempo fa, mica è necessario dire tutto a tutti...
Mi perdonate questo piccolo egoismo?

Progressi - si va avanti

Ieri Trippa è rimasto all'asilo fino alle 16, per la prima volta. Confesso che mi ha meravigliato. Ero convinta che lo avrei trovato in lacrime all'uscita, invece le lacrime le ha fatte venire a me quando mi ha detto "sai mamma mi sono divertito moltissimo". La maestra ha detto che si è comportato come niente fosse, ha giocato tranquillamente e non ha fatto capricci, perciò direi che l'inserimento è terminato con successo.
Lo so, alla fine è come gli altri bambini, però io ero abituata lo scorso semestre a sentirmi parlare di mio figlio (dalle altre maestre) solo in termini di problemi da risolvere, di crisi da separazione, di immaturità, di inadeguatezza all'ambiente per via dell'età... Io ho sempre sospettato che in realtà fossero le maestre a sbagliare atteggiamento perchè a loro disturbava un piccolo tra i grandi, ma mi sono sempre sentita molto in colpa per aver imposto a mio figlio la nostra decisione senza poi avere subito i risultati sperati. Sentirmi dire dalla maestra di quest'anno che mio figlio non ha alcun tipo di difficoltà mi spiazza, mi sorprende e nello stesso tempo mi rassicura.  Sono orgogliosa, tremendamente orgogliosa di lui.
Però ieri pomeriggio era disintegrato. Al ritorno dall'asilo le uniche cose che è riuscito a fare sono state un mezzo disegno, guardare un'ora di cartoni animati e stare un po' col papi al computer a giocare tutto mogio mogio. Alle venti e trenta è collassato sul divano dopo aver cenato come un leone.  Sarà un bene, ma mi ci devo decisamente abituare...

Progressi - si va avanti

Ieri Trippa è rimasto all'asilo fino alle 16, per la prima volta. Confesso che mi ha meravigliato. Ero convinta che lo avrei trovato in lacrime all'uscita, invece le lacrime le ha fatte venire a me quando mi ha detto "sai mamma mi sono divertito moltissimo". La maestra ha detto che si è comportato come niente fosse, ha giocato tranquillamente e non ha fatto capricci, perciò direi che l'inserimento è terminato con successo.
Lo so, alla fine è come gli altri bambini, però io ero abituata lo scorso semestre a sentirmi parlare di mio figlio (dalle altre maestre) solo in termini di problemi da risolvere, di crisi da separazione, di immaturità, di inadeguatezza all'ambiente per via dell'età... Io ho sempre sospettato che in realtà fossero le maestre a sbagliare atteggiamento perchè a loro disturbava un piccolo tra i grandi, ma mi sono sempre sentita molto in colpa per aver imposto a mio figlio la nostra decisione senza poi avere subito i risultati sperati. Sentirmi dire dalla maestra di quest'anno che mio figlio non ha alcun tipo di difficoltà mi spiazza, mi sorprende e nello stesso tempo mi rassicura.  Sono orgogliosa, tremendamente orgogliosa di lui.
Però ieri pomeriggio era disintegrato. Al ritorno dall'asilo le uniche cose che è riuscito a fare sono state un mezzo disegno, guardare un'ora di cartoni animati e stare un po' col papi al computer a giocare tutto mogio mogio. Alle venti e trenta è collassato sul divano dopo aver cenato come un leone.  Sarà un bene, ma mi ci devo decisamente abituare...

lunedì 1 ottobre 2007

Rimpiazzo

Si, lo so, è un po' bigio, ma lo trovo elegante. Per un po' di tempo voglio fare la mamma-blogger sciantosa e snob, perciò pippatevi questo template preconfezionato.
Mica che il server di Laura è nuovamente in vacanza e si è ingoiato lo sfondo con le figurine...

Rimpiazzo

Si, lo so, è un po' bigio, ma lo trovo elegante. Per un po' di tempo voglio fare la mamma-blogger sciantosa e snob, perciò pippatevi questo template preconfezionato.
Mica che il server di Laura è nuovamente in vacanza e si è ingoiato lo sfondo con le figurine...