background verde

lunedì 6 febbraio 2012

Produzioni lanose! E un breve tutorial

Freddo... gelo... la lana in mano è più piacevole da lavorare che non il cotone per i ricami. Non sopporto di avere in mano un lavoretto e doverlo finire a tutti i costi per non lasciarlo lì, se l'hobby deve dare piacere allora cambio a seconda di quello che mi piace fare in ogni momento. Tanto le risorse qui non si sprecano ;-)



E dunque, mano agli avanzi di lana (non miei stavolta ma di qualcun altro) e in pochi giorni sono nati due oggetti antifreddo:

uno scaldacollo blu tutto ruches



 E un paio di scaldamani, nati dopo un paio di prove.





PER LO SCALDACOLLO HO FATTO COSI'



Ho preso un gomitolo di lana blu e un paio di ferri numero 6. Ho montato 22 maglie e ho lavorato a maglia rasata con i diritti alternati (cioè, metà maglie in un senso e metà nel senso opposto) a formare una specie di scacchiera, ma con le altezze dei vari settori a casaccio tutte diverse, per dare un motivo.





Ovviamente si può fare come si vuole in questo senso (coste, losanghe, punto riso...). Ho fatto in questo modo una striscia lunga il doppio del giro del mio collo più qualche centimetro. Ho intrecciato le ultime maglie e chiuso la striscia ad anello con un uncinetto numero 3 a punto bassissimo. Con lo stesso uncinetto, ho rifinito tutti e due gli orli esterni del lavoro a maglie alte, ma facendo due maglie per ogni foro, così da formare le ruches.

Tutto qui. Per infilarlo basta doppiare il cerchio e avvolgersi con questa cosina tanto calda.





Appena ho un minuto spiego anche come ho fatto gli scaldamani, che sono di una semplicità ridicola. Ora corro a buttare la pasta ;-)

Ciao ciao|

1 commento:

colore ha detto...

no, non devi correre!!!!
Bacio
Lara