background verde

giovedì 26 ottobre 2017

Pezzetti

E poi arriva la botta.
Arriva di notte, quando non riesci a dormire perché nelle ultime 48 ore tra anestesia e morfina hai totalizzato un numero di ore da incosciente superiore a quello da lucida. O sarà il letto dell' ospedale. O i rumori di sottofondo a cui non sei abituata, la mancanza del respiro di chi ami vicino e del pelo caldo dei mici addosso. O la combinazione di tutte queste cose.
Arriva la botta, e piangi.
Ti dicono che è andato tutto bene.
Ma non va bene niente, perché ti senti fatta a pezzetti dentro e fuori.

16 commenti:

Anonimo ha detto...

Mamigà, aspettavo un tuo messaggio, magari non questo, o forse anche si... a volte piangere serve a ricomporre i pezzi che ti sembra di aver perso per strada, per ritrovare le forze e ricominciare la battaglia...
Ti penso tanto, di piu' non posso fare
Michela dalla Svizzera

ISAB ha detto...

Sono conenta che sia andato tutto bene...sfogati per quanto e quando ne hai bisogno. Un abbraccio forte. Isa.

Anonimo ha detto...

Ciao Mamiga, quello che posso fare è pregare per te e per la tua famigliae lo farò con tutto il cuore ..
Claudia

Silvia Bouguerra ha detto...

Finalmente le lacrime. "Finalmente" significa "alla fine". Questo primo importante passo è fatto. Ora, una cosa alla volta, starai meglio dentro e fuori, vedrai.

Un abbraccio da Torino.

Silvia

mammapiky ha detto...

Ne hai tutto il diritto e credo che siano necessarie per continaure ad andare avanti e non dargliela vinta!!!

Vishnu ha detto...

Comunque è andata. R

Livia ha detto...

Piangi, chi te lo vieta? Il corpo è tuo e doverselo prendere a picconate per salvarlo, per quanto doveroso, è avvilente. Ora ti auguro una buona convalescenza e il recupero di tutta la grinta necessaria per i prossimi passi. Un bacione

Anonimo ha detto...

Credo che tu abbia pieno diritto di piangere.Sfogati per bene e poi avanti tutta! Un bacio.

Elisabetta ha detto...

Ti mando un abbraccio forte io e ti mando le fusa dei mie quattro gatti.

Anonimo ha detto...

Ho letto per caso il tuo blog. Un grosso abbraccio. In bocca al lupo. Sonia

Patrizia Gabibba ha detto...

un abbaraccio forte

Anonimo ha detto...

ti sono vicina. Un foerte abbraccio dalla Brianza. Cristina

Alcalina ha detto...

Spero che piano piano, per l'ennesima volta, tu riesca a ricompattare i pezzetti rimasti. Forza Sara. Un abbraccio da Houston.

Anonimo ha detto...

Un abbraccio grande. Nient'altro. Cinzia

Anonimo ha detto...

:) ti mando un bacio

raffaella ha detto...

Un abbraccio anche qui.