background verde

sabato 26 marzo 2011

Palle... da tennis


Grazie al cielo mio figlio oggi è tornato a scuola: protestando a note alte, col certificato medico sventolante, un look nuovo grazie al taglio di capelli fresco di rasoio (made by me, obviously), un giubbino primaverile nuovo di pacca taglia 12 anni tutto blu come piace a lui, una pila di compiti fatti per bene grazie alla tempestività di Bimbabionda, un muso duro che se gli tiravi un buffetto sulla guancia ti spaccavi una falange, e una banana nella tasca anteriore dello zaino per la ricreazione.
Banana non a caso: tre giorni fa siamo stati dal medico per la visita pre rientro a scuola (
ti è mancata la scuola Power?/ (io) No dottore, è mancata alla mamma...), e il caro dottor Gigi gli ha bellamente tirato le orecchie perchè (e in effetti non ha tutti i torti) inizia ad esserci un po' di sproporzione tra altezza (cm 130) e peso (39 chili). Non è grasso, rientra ancora nella fascia dei normopeso, ma vista l'ossatura è meglio giocare di anticipo e dare man forte alla mamma autorizzandola a usare la frase LO-HA-DETTO-IL DOTTORE come una palettata sul sedere, davanti ai dinieghi per mangiare frutta e verdura, le cui quantità vanno decisamente aumentate.
Gigi ha avuto una idea simpatica: gli ha detto di mangiare cinque porzioni tra frutta e verdura al giorno, distribuendole un po' come vuole, dando come riferimento di porzione la dimensione di una palla da tennis. E così da tre giorni io e mio figlio giochiamo a palle da tennis: la regola è due di frutta come merende, una di verdura a pranzo e due a cena. Se una salta, si recupera al pasto successivo. Una palla da tennis è un'arancia, una mela, una banana con un po' di fantasia, un paio di clementini, insomma, si gioca sul pressappoco e ovviamente al rialzo. E rigorosamente palle da TENNIS, non palle da ping-pong come ha prontamente suggerito il Power ieri  quando si è trovato nel piatto il mix broccoli-cavolfiori (buonissimo). Però ha mandato giù. E sapete perchè? Mica perchè d'un tratto la verdura gli è venuta a piacere, noooo... troppo facile...


Perchè come per tutti i bambini, di oggi come di trent'anni fa (presente!), è caduto sul classico: se una cosa la dice la mamma è la solita rottura di marshmallows, ma se lo dice il dottore o la maestra... ah, se lo dicono loro...
Ps. non mi autoilludo, voglio vedere quanto dura. Ma intanto cavalco l'onda

8 commenti:

PuffolaPigmea ha detto...

Brava! io non ci sono mai riuscita

Fortunatamente il PG, 10 anni, fa un sacco di sport e si attesta su 1.40 per 40 kg circa. DI MUSCOLI

Perchè se dovessi metterlo a dieta... ciao.

PuffolaPigmea ha detto...

Brava! io non ci sono mai riuscita

Fortunatamente il PG, 10 anni, fa un sacco di sport e si attesta su 1.40 per 40 kg circa. DI MUSCOLI

Perchè se dovessi metterlo a dieta... ciao.

roberta67 ha detto...

Per fortuna che i miei sono normopeso al ribasso, perchè sono anche sordi al "lo dice il dottore", "lo dice la maestra". E sì che fanno pure programmi di educazione alimentare fin dall'asilo (fanpuf alla scuola dell'infanzia), con la storia delle cinque porzioni di frutta/verdura salvo poi vietare l'introduzione di 'sti cibi per le merende, peraltro non somministrate dalla scuola. Quanto alle elementari, avrebbero pure le merende della ricreazione somministrate, peccato che, in quel caso, girino la frutta destinata al pranzo a merenda e ciccia alle cinque porzioni....
Non ti dico che "macedonie" trovo ogni tanto in cartella.
Roberta

roberta67 ha detto...

Per fortuna che i miei sono normopeso al ribasso, perchè sono anche sordi al "lo dice il dottore", "lo dice la maestra". E sì che fanno pure programmi di educazione alimentare fin dall'asilo (fanpuf alla scuola dell'infanzia), con la storia delle cinque porzioni di frutta/verdura salvo poi vietare l'introduzione di 'sti cibi per le merende, peraltro non somministrate dalla scuola. Quanto alle elementari, avrebbero pure le merende della ricreazione somministrate, peccato che, in quel caso, girino la frutta destinata al pranzo a merenda e ciccia alle cinque porzioni....
Non ti dico che "macedonie" trovo ogni tanto in cartella.
Roberta

roberta67 ha detto...

p.s.: certificato medico per il rientro a scuola? In Lombardia è stato abrogato da anni, ovviamente su sollecitazione dei medici pediatri...
Roberta

roberta67 ha detto...

p.s.: certificato medico per il rientro a scuola? In Lombardia è stato abrogato da anni, ovviamente su sollecitazione dei medici pediatri...
Roberta

Mamiga ha detto...

@Roberta: anche a scuola di mio figlio danno come frutta solo quella del pasto, per la ricreazione devi arrangiarti, ma le maestre a inizio anno hanno insistito perchè acquistassimo una scatolina di plastica dove riporre la frutta da dare ai bambini. Giusto oggi allegato a una rivista ho acquistato il portabanana . Il certificato medico da noi è richiesto da due anni a questa parte solo dopo il quinto giorno di assenza per malattia, se non lo porti ti ri-porti il bambino a casa senza deroghe. Ma è una legge regionale. E una gran rottura, nel senso che basta telefonare al medico per farselo fare, a sua discrezione visitarlo o meno (e a che serve allora?). Fortunatamente abbiamo un medico di famiglia intelligente che pretende la visita solo in caso di malattia infettiva, se è per un po' di influenza ti lascia al tuo buonsenso di madre...

Mamiga ha detto...

@Roberta: anche a scuola di mio figlio danno come frutta solo quella del pasto, per la ricreazione devi arrangiarti, ma le maestre a inizio anno hanno insistito perchè acquistassimo una scatolina di plastica dove riporre la frutta da dare ai bambini. Giusto oggi allegato a una rivista ho acquistato il portabanana . Il certificato medico da noi è richiesto da due anni a questa parte solo dopo il quinto giorno di assenza per malattia, se non lo porti ti ri-porti il bambino a casa senza deroghe. Ma è una legge regionale. E una gran rottura, nel senso che basta telefonare al medico per farselo fare, a sua discrezione visitarlo o meno (e a che serve allora?). Fortunatamente abbiamo un medico di famiglia intelligente che pretende la visita solo in caso di malattia infettiva, se è per un po' di influenza ti lascia al tuo buonsenso di madre...