background verde

mercoledì 18 agosto 2010

Cose belle


Presa dal piacere di tuffarmi nelle cose belle per allontanare i pensieri (ma lo faccio da sempre per diletto) mi sto appassionando al lavoro a uncinetto. L'idea di ricreare le trine di una volta, ma accostandole alle cose di casa mia, mi regala un diletto indescrivibile. Mi tuffa come d'incanto in un mondo fatto di freschezza, di bianco, di leggerezza. Mi fa sostare per un po' di tempo nell'atmosfera che ho riscoperto leggendo (e terminando un paio di giorni fa) la Austen in "Orgoglio e Pregiudizio", dando così una immagine a quanto più mi affascina quando ho bisogno di sognare. Tutti abbiamo bisogno di sognare. Nel mio sogno il mondo è candido, fresco, leggero, di una impalpabilità che assomiglia al colore del vetro, qualcosa che non puoi afferrare.

Ieri ho riportato una rivista, appunto, di filet, a una nuova amica che me lo ha prestato una decina di giorni fa. Sono entrata in casa sua e ho scoperto qualcosa di incredibile. Ho scoperto casa sua.
La mia nuova amica C. è una creativa. Ricama, uncinetta, crea bambole, decoupa, fa un po' di tutto, e la sua bella bambina di quattro anni sta seguendo la sua passione con orgoglio, a sua misura naturalmente. Sono entrata in casa sua e a stento capivo dove mettere i piedi: ovunque scatoloni di materiale del marito (che fa l'antennista), un tavolo completamente coperto di oggetti, un mobile di cui si intravedevano le ante ma non il ripiano, un angolo di due metri per due circa dedicato ai giochi della bambina, quattro o cinque sedie di cui due vuote, una piena di panni da stirare e due sepolte sotto a un numero indecifrabile di tipi di oggetti e stoffe, una macchina per cucire di quelle vecchie col mobile di legno e il pedalone (un sogno), scatole e scatole che lei dice essere piene di stoffe, avanzi, oggetti di recupero e quant'altro. E due gabbie con dentro due bengalini ciascuna più un gattino di due mesi, un micetto Gioiuto nel colore e nel carattere che giocava incessantemente passando dal dare la sua attenzione ora alla bimba ora a pezzetti di mattoncini, e un po' (da vero gatto) a darsi due leccate estemporanee qua e là. Soffitto basso, finestre piccine e travi a vista fanno il resto. Insomma, un vero magazzino.
Ma il calore che ho respirato in quella casa è stato indescrivibile. Probabilmente non sarà igienizzata come la corsia di un ospedale, ma pagherei per avere meno scrupoli nel gestire l'ordine in casa mia per sentirmi libera di dire "chissefotte di quello che pensa la gente quando entra, io qui ci vivo". Se faccio il conto metà del tempo che impiego quando faccio le pulizie lo uso per riordinare quello che i miei uomini lasciano in giro. Il che mi da sempre sui nervi in maniera esponenziale. Per me il disordine è opprimente, non trovare gli oggetti è esasperante, inciampare nelle cose mi fa sentire in difficoltà, come già non  ne avessi abbastanza di mie nel mettere un piede davanti all'altro (e la malattia c'entra poco, io quando cammino sono un treno, devo poter andare da qui a là senza tanto pensarci su).
La casa di C. è un vero disastro, è la casa in cui mia suocera probabilmente entrando direbbe sottovoce  "ma chè femine ce fasial dut al dì, al puest di badà a la cjase?", e non solo lei. Forse lo avrei detto anch'io, se non fossi rimasta prima affascinata dalle creazioni di C. Il caos è più che giustificato, mi sono detta. Mi sono accorta del suo imbarazzo nell'accogliermi in casa sua, ma credo che l'essermi trattenuta più di un'ora contro i cinque minuti che avevo messo in preventivo l'abbia rasserenata: non la smetteva più di parlare.
E' stata un'ora piacevole, lo devo dire. E mi ha permesso di immaginare casa mia un po' più in disordine ma una padrona di casa col cuore più leggero.

21 commenti:

fragolina74 ha detto...

Io sono disordinata... mi piacciono le case ordinate e ammiro chi riesce a tenere in ordinema spesso trovo più calde e confortevoli le case che sono vissute e mi parlano di chi le vivepiuttosto che le case che sembrano una bellissima esposizione d'arredo come nelle mostre le prime mi fanno sentire a casa mi ci accomodo volentieri e mi ci rilassole seconde sono belle da guardare ed ammirareimmagino dipenda dal caratterein ogni caso secondo me non bisognerebbe mai giudicare, ne chi è troppo ordinato nè chi è disordinato...(e qui tiro acqua al mio mulino..!!)PS: Che bello saper ricamare, cucire, disegnare, creare ... come mi piacerebbe imparare , non solo si da sfogo alla propria fantasia e creatività ma si ottengono cose bellissime da conservare, utilizzare, donare ....

fragolina74 ha detto...

Io sono disordinata... mi piacciono le case ordinate e ammiro chi riesce a tenere in ordinema spesso trovo più calde e confortevoli le case che sono vissute e mi parlano di chi le vivepiuttosto che le case che sembrano una bellissima esposizione d'arredo come nelle mostre le prime mi fanno sentire a casa mi ci accomodo volentieri e mi ci rilassole seconde sono belle da guardare ed ammirareimmagino dipenda dal caratterein ogni caso secondo me non bisognerebbe mai giudicare, ne chi è troppo ordinato nè chi è disordinato...(e qui tiro acqua al mio mulino..!!)PS: Che bello saper ricamare, cucire, disegnare, creare ... come mi piacerebbe imparare , non solo si da sfogo alla propria fantasia e creatività ma si ottengono cose bellissime da conservare, utilizzare, donare ....

fragolina74 ha detto...

Io sono disordinata... mi piacciono le case ordinate e ammiro chi riesce a tenere in ordinema spesso trovo più calde e confortevoli le case che sono vissute e mi parlano di chi le vivepiuttosto che le case che sembrano una bellissima esposizione d'arredo come nelle mostre le prime mi fanno sentire a casa mi ci accomodo volentieri e mi ci rilassole seconde sono belle da guardare ed ammirareimmagino dipenda dal caratterein ogni caso secondo me non bisognerebbe mai giudicare, ne chi è troppo ordinato nè chi è disordinato...(e qui tiro acqua al mio mulino..!!)PS: Che bello saper ricamare, cucire, disegnare, creare ... come mi piacerebbe imparare , non solo si da sfogo alla propria fantasia e creatività ma si ottengono cose bellissime da conservare, utilizzare, donare ....

fragolina74 ha detto...

Io sono disordinata... mi piacciono le case ordinate e ammiro chi riesce a tenere in ordinema spesso trovo più calde e confortevoli le case che sono vissute e mi parlano di chi le vivepiuttosto che le case che sembrano una bellissima esposizione d'arredo come nelle mostre le prime mi fanno sentire a casa mi ci accomodo volentieri e mi ci rilassole seconde sono belle da guardare ed ammirareimmagino dipenda dal caratterein ogni caso secondo me non bisognerebbe mai giudicare, ne chi è troppo ordinato nè chi è disordinato...(e qui tiro acqua al mio mulino..!!)PS: Che bello saper ricamare, cucire, disegnare, creare ... come mi piacerebbe imparare , non solo si da sfogo alla propria fantasia e creatività ma si ottengono cose bellissime da conservare, utilizzare, donare ....

utente anonimo ha detto...

Disordine?!?!? Non hai per caso confuso il caos coll'ordine creativo?Son punti di vista, sebbene cerchi di insegnare ai miei figli ad essere ordinati, imparando dal mio esempio (ho in giro dai 2 ai 6 ricami contemporaneamente - e intendo davvero in giro, tre libri in corso, padelle sporche nel lavandino e ad asciugare nella seconda vasca dello stesso, giochi in tutte le stanze tutte,panni stesi ad asciugare e altrettanti se non di più da stirare, il cellulare da qualche parte, i cordless che suonano ma non si trovano).Ma se mi dedico ai miei hobbies, ho imparato che mi dedico a me stessa. E questo è importante per me.Roberta

utente anonimo ha detto...

Disordine?!?!? Non hai per caso confuso il caos coll'ordine creativo?Son punti di vista, sebbene cerchi di insegnare ai miei figli ad essere ordinati, imparando dal mio esempio (ho in giro dai 2 ai 6 ricami contemporaneamente - e intendo davvero in giro, tre libri in corso, padelle sporche nel lavandino e ad asciugare nella seconda vasca dello stesso, giochi in tutte le stanze tutte,panni stesi ad asciugare e altrettanti se non di più da stirare, il cellulare da qualche parte, i cordless che suonano ma non si trovano).Ma se mi dedico ai miei hobbies, ho imparato che mi dedico a me stessa. E questo è importante per me.Roberta

utente anonimo ha detto...

Disordine?!?!? Non hai per caso confuso il caos coll'ordine creativo?Son punti di vista, sebbene cerchi di insegnare ai miei figli ad essere ordinati, imparando dal mio esempio (ho in giro dai 2 ai 6 ricami contemporaneamente - e intendo davvero in giro, tre libri in corso, padelle sporche nel lavandino e ad asciugare nella seconda vasca dello stesso, giochi in tutte le stanze tutte,panni stesi ad asciugare e altrettanti se non di più da stirare, il cellulare da qualche parte, i cordless che suonano ma non si trovano).Ma se mi dedico ai miei hobbies, ho imparato che mi dedico a me stessa. E questo è importante per me.Roberta

utente anonimo ha detto...

Disordine?!?!? Non hai per caso confuso il caos coll'ordine creativo?Son punti di vista, sebbene cerchi di insegnare ai miei figli ad essere ordinati, imparando dal mio esempio (ho in giro dai 2 ai 6 ricami contemporaneamente - e intendo davvero in giro, tre libri in corso, padelle sporche nel lavandino e ad asciugare nella seconda vasca dello stesso, giochi in tutte le stanze tutte,panni stesi ad asciugare e altrettanti se non di più da stirare, il cellulare da qualche parte, i cordless che suonano ma non si trovano).Ma se mi dedico ai miei hobbies, ho imparato che mi dedico a me stessa. E questo è importante per me.Roberta

utente anonimo ha detto...

Io ho sempre pensato che la casa deve essere in mia funzione e non io in funzione della casa, le case disordinate mi danno l'idea del vissuto. Disordine non vuol dire non pulizia. Io quando ho cambiato l'armadio dellla camera mi sembrava enorme, ora è pieno all'inverosimile e non ordinatissimo. D'altronde chi crea deve avere tutto l'indispensabile sotto mano e sentirsi bene con se stessi.Marinella

utente anonimo ha detto...

Io ho sempre pensato che la casa deve essere in mia funzione e non io in funzione della casa, le case disordinate mi danno l'idea del vissuto. Disordine non vuol dire non pulizia. Io quando ho cambiato l'armadio dellla camera mi sembrava enorme, ora è pieno all'inverosimile e non ordinatissimo. D'altronde chi crea deve avere tutto l'indispensabile sotto mano e sentirsi bene con se stessi.Marinella

utente anonimo ha detto...

Io ho sempre pensato che la casa deve essere in mia funzione e non io in funzione della casa, le case disordinate mi danno l'idea del vissuto. Disordine non vuol dire non pulizia. Io quando ho cambiato l'armadio dellla camera mi sembrava enorme, ora è pieno all'inverosimile e non ordinatissimo. D'altronde chi crea deve avere tutto l'indispensabile sotto mano e sentirsi bene con se stessi.Marinella

utente anonimo ha detto...

Io ho sempre pensato che la casa deve essere in mia funzione e non io in funzione della casa, le case disordinate mi danno l'idea del vissuto. Disordine non vuol dire non pulizia. Io quando ho cambiato l'armadio dellla camera mi sembrava enorme, ora è pieno all'inverosimile e non ordinatissimo. D'altronde chi crea deve avere tutto l'indispensabile sotto mano e sentirsi bene con se stessi.Marinella

stellaerratica ha detto...

in genere nel mio caos trovo (quasi) sempre tutto.se poi c'è troppo ordine, mi perdo perché la mia mente non deve riflettere troppo ecc. non so come spiegare...ognuno sta alla propria forma mentis e a volte un po' di flessione al contrario andrebbe bene (ovvero, devo decidermi a mettere un po' a posto...)

stellaerratica ha detto...

in genere nel mio caos trovo (quasi) sempre tutto.se poi c'è troppo ordine, mi perdo perché la mia mente non deve riflettere troppo ecc. non so come spiegare...ognuno sta alla propria forma mentis e a volte un po' di flessione al contrario andrebbe bene (ovvero, devo decidermi a mettere un po' a posto...)

stellaerratica ha detto...

in genere nel mio caos trovo (quasi) sempre tutto.se poi c'è troppo ordine, mi perdo perché la mia mente non deve riflettere troppo ecc. non so come spiegare...ognuno sta alla propria forma mentis e a volte un po' di flessione al contrario andrebbe bene (ovvero, devo decidermi a mettere un po' a posto...)

stellaerratica ha detto...

in genere nel mio caos trovo (quasi) sempre tutto.se poi c'è troppo ordine, mi perdo perché la mia mente non deve riflettere troppo ecc. non so come spiegare...ognuno sta alla propria forma mentis e a volte un po' di flessione al contrario andrebbe bene (ovvero, devo decidermi a mettere un po' a posto...)

utente anonimo ha detto...

La signora è la tua vicina della grigliata???? Direi che tuo marito ti ha fatto travare un'amica....Ah, la sua casa dev'essere più o meno come la mia....Quando avevo i bimbi piccoli ho rischiato di ammalarmi, roba da ricovero.... Avevo l'ansia, loro tiravano fuori un gioco ed io ritiravo... non mi fermavo mai.... Poi ho capito che la testa era una sola e se la perdevo a forza di riordinare e pulire avrei perso anche la serenità di seguirli nelgi anni più belli.... Ora però potrei darci un taglio e rimboccarmi le maniche.... però.....Lara

utente anonimo ha detto...

La signora è la tua vicina della grigliata???? Direi che tuo marito ti ha fatto travare un'amica....Ah, la sua casa dev'essere più o meno come la mia....Quando avevo i bimbi piccoli ho rischiato di ammalarmi, roba da ricovero.... Avevo l'ansia, loro tiravano fuori un gioco ed io ritiravo... non mi fermavo mai.... Poi ho capito che la testa era una sola e se la perdevo a forza di riordinare e pulire avrei perso anche la serenità di seguirli nelgi anni più belli.... Ora però potrei darci un taglio e rimboccarmi le maniche.... però.....Lara

utente anonimo ha detto...

La signora è la tua vicina della grigliata???? Direi che tuo marito ti ha fatto travare un'amica....Ah, la sua casa dev'essere più o meno come la mia....Quando avevo i bimbi piccoli ho rischiato di ammalarmi, roba da ricovero.... Avevo l'ansia, loro tiravano fuori un gioco ed io ritiravo... non mi fermavo mai.... Poi ho capito che la testa era una sola e se la perdevo a forza di riordinare e pulire avrei perso anche la serenità di seguirli nelgi anni più belli.... Ora però potrei darci un taglio e rimboccarmi le maniche.... però.....Lara

utente anonimo ha detto...

La signora è la tua vicina della grigliata???? Direi che tuo marito ti ha fatto travare un'amica....Ah, la sua casa dev'essere più o meno come la mia....Quando avevo i bimbi piccoli ho rischiato di ammalarmi, roba da ricovero.... Avevo l'ansia, loro tiravano fuori un gioco ed io ritiravo... non mi fermavo mai.... Poi ho capito che la testa era una sola e se la perdevo a forza di riordinare e pulire avrei perso anche la serenità di seguirli nelgi anni più belli.... Ora però potrei darci un taglio e rimboccarmi le maniche.... però.....Lara

tulipeorange ha detto...

io mi ci troverei benissimo nella casa della tua nuova amica